Bicchieri E Calici

Oggi giorno abbiamo a disposizione bicchieri e calici dalle forme più varie, creati appositamente per esaltare le caratteristiche di ogni bevanda e, specialmente per il vino, esistono moltissimi calici che ne valorizzano colore, profumi e sapore.

Quando eravamo bambini ancora potevamo vedere, probabilmente sulla tavola natalizia, calici lavorati o addirittura con il bordo d’oro, mentre oggi la tendenza preferisce cristalli semplici e trasparenti oppure bicchieri colorati e divertenti, generalmente ad uso quotidiano o per colorare una tavola primaverile.

Tra i marchi più noti proponiamo: Riedel, Villeroy & Boch, Galbiati, Livellara, Rosenthal e molti altri ancora.

-60%
936.00 €    374.40 €
JEAN CLOSE' • SERVIZIO CALICI TRIS


MATERIALI

Possiamo optare per preziosi bicchieri e calici soffiati o per una produzione industriale che mette a disposizione calici prodotti meccanicamente, più economici e meno fragili, ma sicuramente di meno pregio. Mettere i due mondi a confronto sarebbe come confrontare un abito confezionato industrialmente e un abito di sartoria confezionato su misura. Dietro ai calici soffiati c’è un’arte e un’esperienza da non dimenticare, ma l’industrializzazione ha permesso a più persone di poter scoprire l’affascinante mondo della degustazione. Quindi ben venga!

I bicchieri e i calici possono essere in vetro o in materiale infrangibile come l’acrilico e possono essere trasparenti, in pasta colore e colorati.


TIPOLOGIE DI CALICI

Dedichiamo ora un po' di tempo al mondo dei calici. Anche qui con gli anni lo studio e l’innovazione hanno aperto nuove frontiere. Un tempo si aveva quasi solo il calice da acqua, il calice da vino e il flute. Oggi, quando si parla di calice da vino, non si può più utilizzare il singolare, ma è doveroso passare al plurale. Ebbene si, quasi ogni vino ha il suo specifico calice, la cui forma è stata studiata per enfatizzarne le caratteristiche organolettiche.

Infatti, per giudicare e soprattutto apprezzare un vino, bisogna degustarlo, facendone il cosiddetto esame organolettico, ossia l’esame delle proprietà percepite dai nostri sensi, vista, olfatto, gusto.

Con la vista si valutano il colore e la limpidità; da qui è necessario che il calice sia trasparente per non modificare la percezione del vino stesso.

Con l’olfatto si percepisce il bouquet del vino; imprimendo un leggero movimento rotatorio al bicchiere, il vino accarezza le pareti del calice, aumenta la superficie vinosa e si facilita l’emanazione del bouquet. Tale esame viene spesso sottovalutato; ricordiamoci invece che prima di sentire il gusto sentiremo per forza il profumo. Il calice deve avere una forma tale da aiutare a sprigionare il profumo.

Con il gusto si arriva finalmente ad assaggiare il vino. Qui interviene in modo molto importante la forma del calice che aiuterà il vino ad arrivare nella zona giusta della bocca per percepire le sue caratteristiche.

Abbiamo quindi capito che i calici devono esaltare la personalità del vino, all’interno delle forme più adatte, trasmettendola ai sensi in un quadro organolettico perfetto.

Possiamo per tanto trovare: calice Chardonnay, Sauvignon, Chianti classico, Bordeaux, Flute, Sherry, Cognac baloon, Whiskey, Porto, Sauternes, Grappa, Distillato di frutta, Birra, e molti altri ancora.