Piatti

Tradizionalmente il servizio piatti classico, quello delle nostre mamme e delle nostre nonne, è bianco e tondo, magari con qualche decoro, ma oggi troviamo piatti moderni anche colorati, quadrati o rettangolari. Sul nostro e-commerce potete trovare varie soluzioni, dai servizi da tutti i giorni, quotidiani, ai servizi più eleganti, anche con profilo in oro (attenzione se decidete per un piatto con profilo in oro è meglio lavarlo a mano e non in lavastoviglie).

Tra i marchi più noti proponiamo: Richard Ginori, Villeroy&Boch, Giannini, Portmeirion, Rosenthal, Thomas e molti altri ancora.

-50%
12.90 €    6.45 €
VILLEROY & BOCH • PIATTO DESSERT
-40%
74.00 €    44.40 €
VILLEROY & BOCH • PIATTO ROTONDO CM 32 COTTAGE
-20%
69.90 €    55.92 €
EGAN • SET 18 PIATTI MAJORICA


MATERIALI

I piatti posso essere in ceramica, gres, porcellana o bone china.

Ceramica: probabilmente il materiale più popolare e tradizionale, storicamente impiegato soprattutto nell’artigianato locale e oggi utilizzato per i piatti più economici. Questo materiale si ottiene cuocendo in forno impasti di argille e terre naturali. Hanno una discreta lucentezza, ma non si riesce ad ottenere un bianco brillante. Tranne quelli di manifattura artigianale, non sono considerati pregiati e sono particolarmente fragili e delicati, insomma più facili alle sbeccature.

Gres: il grès si ottiene attraverso l’unione di argille naturali cotte dopo l’impasto a temperature molto alte (circa 1300°), il colore è generalmente più scuro rispetto alla ceramica e alla porcellana, ma come le altre due può essere smaltato. Evidente differenza è la sua tipica solidità che la rende più pesante.

Porcellana: negli anni la porcellana ha sostituito la ceramica sia in casa che nella ristorazione in quanto materiale più resistente e che permette di raggiungere un bianco più brillante. Questo materiale si ottiene cuocendo in forno impasti con presenza di caolino e feldspato. La porcellana è stata prodotta per la prima volta in Cina, si suppone durante la dinastia Tang, porcellana dura, arricchita e decorata con la sua tipica smaltatura bianca e blu, che divenne celebre agli occidentali, in particolar modo in Europa, proprio durante la dinastia Ming. In Italia la prima manifattura, la Manifattura di Doccia, fu fondata nel 1735fu fondata, a Sesto Fiorentino, ad opera del marchese Carlo Ginori. La produzione ebbe grande successo e diede un tocco squisitamente italiano alle sue opere. Nel 1896, a causa di problemi finanziari, i marchesi Ginori furono costretti a vendere la Manifattura di Doccia al produttore di ceramiche milanese Richard. Nacque così la Richard-Ginori.

Bone china: porcellana tenera, prodotta con un impasto che contiene almeno il 25% e fino il 50% di polvere d'ossa. La prima produzione fu in Inghilterra, nel 1800, quando si aggiunse cenere di ossa di animali all’impasto di porcellana tenera. L'additivo conferisce una traslucenza, bianchezza e resistenza notevole a questo nuovo tipo di porcellana, che venne detto Bone China. Questa nuova ricetta divenne lo standard della produzione inglese, tutt’oggi prodotta.


TIPOLOGIE DI PIATTI

Posto tavola: è composto da piatto piano, piatto fondo e piatto frutta. Ma non dimentichiamoci che se vogliamo arricchire la nostra tavola possiamo sbizzarrirci con altri tipi e forme di piatti, come il piatto da dessert (che generalmente è leggermente più piccolo del piatto frutta) e il piatto per il pane.

Piatti da portata: tondi, ovali o rettangolari di varie misure utilizzati per servire a tavola, come le zuppiere, insalatiere e salsiere.


COME SCEGLIERE IL SERVIZIO IDEALE PER SE'

Di solito si valuta il servizio di piatti in base all’utilizzo, servizio per tutti i giorni e servizio così detto “buono”.

Il primo inevitabilmente deve tener conto della frequenza di utilizzo dei piatti, della loro praticità resistenza all’usura e versatilità di utilizzo e, cosa fondamentale, deve essere resistente ai lavaggi in lavastoviglie.

Mentre il servizio “buono” è quello per gli eventi importanti, generalmente utilizzato una o due volte all’anno e che per il resto del tempo resta chiuso in una credenza. L’estetica è sicuramente il primo requisito: colori, forme, design ricercato. In questo caso si potrebbe anche scegliere un servizio con filo oro o platino, molto classici, ma sempre molto eleganti. Attenzione, sarebbe decisamente meglio non lavarle questi piatti in lavastoviglie, ma per un paio di occasioni all’anno si può fare uno sforzo!